Fecondazione Assistita: Normativa Italiana

La normativa italiana in materia di medicina della riproduzione

 

Esiste un limite al numero di embrioni che si possono formare in vitro?

No ,il numero massimo di tre embrioni che era stato precedentemente fissato dalla legge 40/2004 è stato abrogato dalla sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale che stabilisce che il numero massimo di embrioni da formare deve rispondere alle esigenze cliniche della coppia al fine di ottimizzare il risultato e quindi limitare il numero degli interventi al fine di proteggere la salute della donna.

E’possibile crioconservare gli embrioni?

Esiste una deroga al principio generale di divieto del congelamento embrionario nel caso in cui ,fecondando più ovociti si possa formare un numero di embrioni superiore rispetto a quelli che vengono trasferiti.In questo caso gli embrioni “sovrannumerari”devono essere obbligatoriamente congelati.

Esiste un numero prefissato di embrioni che devono essere trasferiti in utero?

Non esiste nessuna normativa in tal senso,ci si attiene generalmente alle linee guida scientifiche internazionali.

E’ possibile effettuare la diagnosi genetica reimpianto in Italia?

Si.Questo vale per tutte le coppie,fertili ed infertili e per tutte le malattie genetiche di cui è conosciuta la causa.

E’ possibile effettuare in Italia una fecondazione eterologa o da single?

No .Questo deve essere effettuata in altri paesi europei ma la coppia o la paziente può essere preparata in Italia dal proprio centro di fiducia seguendo le indicazioni terapeutiche date dal centro estero.

E’ possibile per una donna single crioconservare i propri ovociti?

Si,è possibile effettuare la crioconservazione sia ovocitaria che di spermatozoi.